Trastevere, da sempre sinonimo della movida capitolina, è ovunque conosciuta per i suoi locali e le comitive che la animano, soprattutto di notte: oggi vogliamo proporvela in veste diversa, da turisti, e guidarvi alla scoperta delle sue bellezze “diurne” perché le sue piazze, le sue vie ed i suoi vicoli sono un vero scrigno di testimonianze artistiche e storiche.

Santa Maria in Trastevere: una delle chiese più antiche di Roma

Simbolo da sempre di Trastevere, la chiesa e l’omonima piazza assistono da secoli al peregrinare di turisti e nottambuli.

Pensate che la basilicaa è stata la prima della storia ad essere consacrata al culto della Madonna: l’edificio originale risale addirittura al 340, quando il Cristianesimo non si era ancora diffuso, e fu ricostruito quasi completamente nell’ XI secolo, con marmi provenienti dalle Terme di Caracalla.

Il portico esterno, che ancora oggi possiamo ammirare, fu costruito invece nel 700, e la sua storia è legata ad un’usanza molto caratteristica dell’800: quando un “bullo” decideva di redimersi e cambiare vita, appendeva le sue “armi del mestiere” (come coltelli e affini) al suo interno, come promessa di una nuova vita. Queste testimonianze ora non ci sono più, ma all’epoca doveva fare un certo effetto trovare tutte quelle armi appese all’entrata di un edificio di culto!

Santa Maria in Trastevere è facilmente riconoscibile per l’alto campanile, risalente alla metà dell’XI secolo, sulla cui facciata spicca un prezioso mosaico della Madonna col Bambino. Una volta entrati, rimarrete colpiti dalla quantità di opere d’arte che la costellano, fra cui quadri, mosaici e monumenti funebri: recatevi alla quinta cappella a sinistra, e potrete ammirare la Cappella Avila, un trionfo di pittura ed architettura, uno dei più belli e meno conosciuti monumenti del Barocco Romano!

Trastevere itinerario

Orto Botanico: un’oasi nel cuore di Trastevere

Non lontano da Piazza Santa Maria in Trastevere, in Largo Cristina di Svezia, sorge l’Orto Botanico di Roma, uno dei più grandi d’Italia, costituito da 12 ettari di parco e più di 200 metri quadrati di serre. Questo immenso giardino non è dedicato solo agli “addetti ai lavori”, perché le miriadi di specie di piante diverse sono un vero spettacolo per gli occhi, soprattutto in primavera: pensate che al suo interno è perfettamente ricostruito anche un classico giardino giapponese, con tanto di laghetti, ponticelli e piante acquatiche galleggianti.

L’Orto Botanico è aperto tutti i giorni, esclusa la domenica, ed è perfettamente attrezzato anche per persone con problemi di deambulazione, per i quali è stato approntanto uno speciale sentiero e mezzi mobili a batterie. Per i non vedenti è addirittura a disposizione un “giardino dei profumi”, dove la classificazione delle piante riportata anche in braille.

Se tra un monumento e l’altro avete bisogno di una pausa rilassante fra palme, fiori e piante esotiche di cui magari non conoscevate nemmeno l’esistenza, questo probabilmente è il posto giusto!

Trastevere orto botanico

Villa Farnesina: il trionfo di Raffaello

A pochi metri dall’Orto Botanico, in Via della Lungara, sorge Villa Farnesina (da non confondere con la sede del Ministero degli Esteri, che si trova da tutt’altra parte), probabilmente uno dei più mirabili esempi di architettura rinascimentale in Italia, commissionata nei primi del Cinquecento dal ricchissimo banchiere Agostino Chigi a Baldassarre Peruzzi, e decorata da artisti del calibro di Sebastiano del Piombo e Raffaello.

Questa bellissima villa, fiore all’occhiello di Trastevere, nonché sede della famosa Accademia dei Lincei, è conosciuta per la famosa Loggia di Amore e Psiche, affrescata da Raffaello Sanzio, che tramutò la sua volta in un pergolato, affrescandola con elementi vegetali, a prolungamento di quelli del giardino. Il colpo d’occhio è davvero mozzafiato, e vale assolutamente una visita.

La Villa  è aperta tutte le mattine, dal lunedì al sabato, e sarebbe un vero peccato perdersela!

Purtroppo fra parchi, chiese e ville di ricchi banchieri, le nostre due ore a disposizione sono ampiamente finite: per visitare Trastevere non basterebbe una vita, ma chi ben comincia è a metà dell’opera!

Brusco lo “strabuono”: bruschette gourmet nel cuore di Trastevere!

Trastevere Brusco

Fare i turisti mette fame, ma niente paura, perché in Vicolo dei Cinque 22/A, a due passi da Piazza Trilussa, troverete un piccolo locale, curato e coloratissimo, come curate e coloratissime sono le specialità che offre: più di 20 tipi diversi di bruschette!

Il locale è il realizzarsi del sogno di tre amici, tre professionisti, che hanno voluto trasformare le classiche fettine di pane bruscato in veri e propri piatti gourmet:

  • Preparati solo con pane casareccio, croccante fuori e fragrante dentro.
  • Sfornati all’istante (perché la bruschetta buona è solo quella ancora calda).
  • Declinati secondo le più buone ricette della cucina tradizionale italiana.

Non ci credete? Date uno sguardo al menu e, fra bruschetta Carbonara, Cacio e Pepe, Polentona, con polpette, bollito e quant’altro, non avrete che l’imbarazzo della scelta, per non dimenticare le bruschette dolci, preparate con Nutella, crema della nonna e Tiramisù!

Non avete voglia di cucinare? Le bruschette potrete portarvele a casa, racchiuse in una speciale custodia che le manterrà come appena sfornate, e godervele sul vostro divano.

Cosa aspettate a venirci a trovare? Siamo aperti tutti i giorni dalle 12:00 fino a tarda notte, perché in un quartiere come Trastevere non poteva essere diversamente!